Guida Etna 2018 - Un paesaggio unico al mondo

  • Panorama di Catania e dell’Etna

L’ Etna è il grande vulcano attivo siciliano che si trova nel territorio di Catania . Le sue frequenti eruzioni regalano uno spettacolo affascinante e incredibile, seppur a tratti inquietante, che caratterizza il paesaggio redendendolo una meta turistica unica e suggestiva.

Etna - Il vulcano più grande d'Europa

Etna in eruzione Il complesso vulcanico dell’Etna è il più grande d’Europa tra i vulcani terrestri. Esso occupa in totale 1.265 chilometri quadrati e la cima del cratere principale è alta 3.350 metri , anche se le sue frequenti eruzioni ne hanno modificato spesso l’altezza. L’Etna infatti ha subito varie modifiche nella sua morfologia e ha una struttura complessa con vari edifici vulcanici che si sono generati e sostituiti nel tempo in conseguenza dell’attività eruttiva.

Le modifiche hanno interessato anche l’ambiente circostante, che presenta aspetti differenti in base all’altitudine e al versante di riferimento. Il versante occidentale è piuttosto arido e brullo ed è la zona dove si concentrano maggiormente le colate laviche, mentre la zona est e sud sono coltivate fino a 1.000 metri e fortemente urbanizzate. I detriti vulcanici conferiscono alla terra una particolare fertilità ideale per alcune produzioni agricole tipiche come gli agrumi, gli ulivi, i mandorli e il rinomato pistacchio di Bronte .

Visitare l'Etna - Escursioni e trekking


Cratere dell'Etna  Il Parco dell’Etna è l’area protetta che circonda il vulcano, caratterizzata da un paesaggio naturale unico, boschi, sentieri e centri abitati che rappresentano una forte attrazione turistica grazie alla loro tipicità. Le escursioni sull’Etna sono di diversi tipi, in fuoristrada, mountain bike, a cavallo e con percorsi di trekking.

Il trekking può avere come punto di partenza Catania o Taormina e si snoda sui sentieri della Schiena dell’Asino, Monte Zoccolaro, Monte Nero degli Zappini e altri sentieri. Questo tipo di escursione è consigliata per le persone esperte, rispettando sempre alcune precauzioni. È necessario avere un equipaggiamento idoneo con occhiali da sole per proteggersi dalle ceneri vulcaniche e abiti caldi poiché possono esserci escursioni termiche anche di 20 gradi rispetto ai punti di partenza a valle.

Si possono fare le escursioni anche in funivia , partendo da Nicolosi Nord/Etna Sud - Rifugio Sapienza e raggiungendo quota 2.500 metri sulla telecabina. Da qui il percorso prosegue in fuoristrada fino alle quote consentite e si può osservare il cratere centrale e il suggestivo paesaggio lunare.

Giro dell’Etna in auto

Esiste un’interessante percorso in auto di 140 km che percorre alcuni degli abitati principali alle pendici dell’Etna. Con partenza da Catania in direzione Fiumefreddo si segue la SS114 e si prende poi la SS120 dalla quale si possono ammirare i paesaggi sulla costa. Al km 50 si giunge a Linguaglossa , punto da cui partono alcune escursioni per il vulcano, e si prosegue poi per Randazzo dove si possono visitare le tre chiese rimaste in piedi dopo i bombardamenti del 1943 e i palazzi in stile normanno e gotico-rinascimentale.

Dopo Randazzo si prende la SS248 che passa attraverso i boschi e sale fino a 1.040 metri. Si discende poi verso Maletto, Bronte e Adrano e si imbocca la SS121 verso Paternò , cittadina della Valle del Simeto sormontata da una roccia su cui spicca un castello normanno. Il giro si conclude passando per Misterbianco e giungendo infine a Catania.

Dal fianco orientale delI'Etna, sempre con partenza da Catania , vi sono due itinerari, uno per Zafferana Etnea da cui si può arrivare al Rifugio Sapienza, e continuando in direzione di Linguaglossa si attraversa la vallata del Bove da cui si possono vedere le muraglie di lava e di tufo che arrivano ad altezze anche di 1.000 metri.

La Ferrovia Circumetnea

Tratto della Ferrovia Circumetnea La Ferrovia Circumetnea è la ferrovia a scartamento ridotto che collega Catania e Riposto passando intorno al complesso vulcanico dell’Etna. Il percorso parte da Catania Porto, passando per la stazione FS e attraversando i comuni di Paternò, Adrano, Bronte, Randazzo e Giarre. Le tariffe dei biglietti variano in base alla fascia chilometrica, partendo da 1,50€ entro i 10 km e 7,25€ fino a 110 km, costi per la corsa singola.

La Ferrovia fu realizzata alla fine del XIX secolo per il trasporto di merci e di passeggeri. Le locomotive a vapore sono rimaste in esercizio fino agli anni Sessanta del XX secolo e l’impianto ha subito nel corso del tempo varie modifiche nel suo tracciato per adeguarle alle esigenze dei passeggeri e soprattutto in conseguenza delle interruzioni della linea causate dalle eruzioni vulcaniche. A partire dagli anni Ottanta la Ferrovia Circumetnea è interessata da un programma di rinnovamento della linea ferroviaria a scartamento ridotto e trazione Diesel, con cui si prevede di trasformarla in una metropolitana a doppio binario, scartamento ordinario e trazione elettrica.

Fonti delle immagini: